I Vecchi Pescatori d'Umana

I PESCATORI D'UMANA
 
'Na sera sul terrazzu tuttu solu
pensavu al tempo de quand'eru fiolu
quannu giugavu a palline su la Tora
e dietru la casa de Ricchettì de Fiora
a la bunazza de la tramuntana
se riunivane i vecchi pescatori d'Umana.

Perchè ce fosse la pulenta 'ntel caldaru
l'unica risorsa era el cullaru
per parole 'nte la bocca c'evene i moccoli
e per scarpe sotta i piedi c'evene i zoccoli
ma c'hanne lassatu 'na grande redità
'na cosa moltu seria: l' UNESTA'

E in du' è 'ndata a fenì, pensavu, tutta 'sta gente
che nun prutestava mai e nun rumpeva gnente?
e mentre passu a mente 'sta longa prucessiò
me vien davanti ai occhi 'na visiò:
lassù in cielu, tra Polluce e Castoru
te vedo 'na barca longa, tutta d'oru

In piedi a pupa, un cerchiu 'nte la testa, a timò
te vedu un certo Pietru de Scimò
a prora un calafatu, Gervà de la mammana
e a sede, sopra i banchi, i sciabecotti d' Umana!

"Semu alla picca!!" dice San Pietru "facciateve de sotta!!"
"no" rispondene in coru "emu sbaiatu rotta!!"
"trinca la scotta e orza per punente!!"
"ma guardè meiu, nun ete vistu gnente:
la chiesa è sempre lì, nun è più tanta bella,
è solu un po' più granna perchè nun è più quella!
Cul palazzu in te la piazza è 'na vera purcaria
anche se a pianutera c'hanne fattu 'na galleria!

Al posto de Ricchettì c'è scrittu Alvaru
hanne sbregatu el sassò, cucchiarì e el caldaru!
Ma in cumpensu c'è rimastu el panzò e el chiavegottu!"
Dice scherzandu el Grande Sciabegottu

Po' fa un cennu a Guidu de Baiardellu
"damme el registru" ie dice e cumincia a fa l'appellu:
Lesiu, Dumè, Orlandu de Campana ..
Crispi, De Rudini, el Rosciu de la Cocchiubana!! .. presente!
Gustu del Canepì, Fioru, Camillu
Fernà de Celli, el Tozzu, Mastrillu!! ... presente!
Giuvannì del Pustiò, Crustì, Dulindu!! ...presente!
Driano de Zambò, Genì, Raimondu!! ...presente!
'Ntò del Moru, Vivaldi, Ceriagu
Miliu de Tacchì, Pescettu, 'Ntò del Dragu!! ...presente!
Mazzasette, Giacumì, Dumè de Pina
Pasquale del Buà, Zasa, Peppe de la Serafina!! ...presente!
Rivatu chì, mette el timbru, posa el registru
po' soffia 'nte la vela e in pupa cul paitru ..

Adessu 'sta gran barca longa d'oru sparisce ..
e el sognu a occhi aperti a chì fenisce.

Ma me viene da fa 'na cunsideraziò
no' semu in pussessu del foio de ricugniziò
ce pudriscimi 'ncuntrà se navigassene un po'più giò
me risponde pronta la voce de la Ragiò,
ma ancò la voce de la Fede e 'sta voce me dice:
"Scì!! Navigamu pure no' ma nun ce 'ncuntraremu mai
perchè lora navighene nel Mare de la Luce
e no' ... in un mare de guai !!"

Fredu del Canepì (1972)
Alfredo Valentini 1916-1993 
mio padre


tra i post più popolari

I paccasassi

Parcheggiare a Numana d'estate

Balleri, curiosi frutti del Conero

Il Crocifisso di Numana

Mangiare diverso a Numana - La Torre street food